AUTO & MOTORI

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Rapallo-Sestriere 3° edizione: con Annibale sulle Vie del Sale

Pioggia. E' stata lei il filo conduttore della terza edizione della Rapallo Sestriere, organizzata dalla torinese Promauto Racing di Giorgio Morre. Pioggia che però non ha impedito l'organizzazione e la realizzazione di una manifestazione ricca di fascino, fatta di motori rombanti, voglia di mettersi in gioco con se stessi e con la propria vettura, gioia di stare insieme e ritrovarsi condividendo la stessa passione per l'automobile.

La manifestazione, inserita a calendario CSAI come gara di regolarità, è giunta solo al terzo anno di svolgimento ma si è già affermata come una delle più piacevoli ed apprezzate da pubblico ed appassionati.
I 30 equipaggi partecipanti, si sono dati appuntamento sul lungomare Vittorio Veneto di Rapallo, la perla del Tigullio, Venerdì 13 aprile. Dopo cena, i partecipanti hanno passato la notte nella lussuosa cornice dell'Hotel Bristol. La mattina, esposizione statica delle vetture sulla passeggiata a mare dove una breve tregua del maltempo, ha permesso al pubblico di ammirare alcune bellissime. In primis le numerose Ferrari (auto per le quali la Rapallo Sestriere era stata concepita originariamente): 308 GTB, F355, 360 Modena, 550 Berlinetta, 430 Spider. Poi alcune aristocratiche Porsche e numerosi esemplari di auto d'epoca come una sportiva Alfa Romeo 1750 GTV, una originalissima Mini 1001, una Lancia Flaminia Coupè Zagato e una curiosissima quanto rarissima Rover 2200 TC nella tipica livrea cioccolato con la strana ruota di scorta assisa sul cofano posteriore.

Dopo pranzo la partenza, ad un minuto un'auto dall'altra, verso Acqui Terme, prima tappa del percorso. Gli equipaggi sono chiamati a mantenere una rigorosa regolarità, ossia a percorrere diverse distanze, che vanno dai 50 metri fino ai 10-15 chilometri, in un determinato lasso di tempo senza arrivare ne prima ne dopo dell'indicazione scritta sul road book da seguire per percorrere al meglio la tappa. Cronometri e velocità media, sono quindi i grandi nemici con i quali confrontarsi, oltre a tenere d'occhio la strada e le indicazioni per giungere in tempo al controllo orario successivo.

 I panorami attraversati sono i più svariati e permettono di immergersi in alcuni dei più straordinari scorci del nord Italia: il mare della Liguria; gli aspri boschi dell'entroterra genovese con i suoi suggestivi paesini arroccati in cima all'Appennino; le colline alternate a dolci declivi del Monferrato dove le straordinarie distese di viti creano uno dei panorami più indimenticabili che si possano vedere. E poi la strada, in salita, in discesa, con numerose curve da pennellare e percorrere lesti, che ti permette di instaurare un feeling con l'auto che difficilmente si riesce ad ottenere nel traffico di tutti i giorni: rimani tu con la tua auto che asseconda i tuoi gesti, la tua guida, il tuo impegno sull'asfalto, la tua capacità di prevenire le reazioni del mezzo.
Recco, Casella, Busalla, Bosio, Ovada,  per arrivare alla Città della Bollente.

Dopo la cena nella sontuosa Sala delle Colonne ed il pernottamento al Grand Hotel Nuove Terme in piazza Italia ad Acqui, si parte di buon mattino. Destinazione Sestriere passando per le alture del basso Monferrato, per l'aristocratica Nizza, poi per il Roero con i suoi castelli, Murello, Sommariva, Racconigi, Moretta, Vigone, Pinerolo fino alle Montagne Olimpiche, insolitamente ricoperte da un manto di neve alto 25 cm e ovattate dal silenzio di una stagione finita troppo presto.
Dopo il pranzo al panoramico ristorante de Le Colombiere, si è proceduto alle premiazioni.

Ma il percorso non è soltanto motorismo. E' anche storia e mito, leggenda e racconto. Mito del ponte di Annibale che da Rapallo rimanda con la mente all'impresa degli elefanti che, leggenda appunto vuole, circa 2300 anni fa abbiano superato le Alpi con il testa il mitico condottiero. Storia delle mitiche Vie Del Sale, dalla Liguria alle Gallie, percorse dal prezioso minerale per essere diffuso in tutta la Vecchia Europa. Questo legame è stato proprio il fulcro e il trait d'union tra l'amministrazione di Rapallo e quella di Sestriere che ha permesso la nascita della manifestazione che, a sua volta, va ad inserirsi in un disegno di più ampio respiro che si basa sul turismo e sulla bellezza del paesaggio percorso, a metà tra mare e montagna, tra cielo e terra.

La Promauto Racing poi è sempre stata sensibile anche all'ecologia e all'impegno per l'abbattimento delle emissioni inquinanti. E' anche per questo che oltre che Ferrari e Storiche, alla gara hanno partecipato anche auto ecologiche. Tra queste una Fiat 500 e una Panda 2012 (guidata dal sottoscritto) a GPL, un'Audi Q5 Hybrid e una Peugeot 3008 H4, entrambe con un motore a benzina a combustione aiutati da un piccolo motore elettrico sull'asse posteriore.

Alla fine della gara si sono classificati primi assoluti Simone Marcon e Jessica Venturini su Fiat Punto Sporting seguiti da Lopresti padre e figlio su Alfa Romeo 147 e Paolo Calovolo/Daniela Bertè su Mazda MX-5 RS. Primi della categoria Storiche, gli esordienti Stefano Sterpone e Federica Lorenzoni su Rover 2200 TC seguiti da Enzo Canuto e Giuliana Ferraro su Alfa 1750 GTV. Primi della categoria Ecologiche invece Roberto e Federica Valentini su Fiat 500 GPL seguiti da Giuseppe Maggi Sergio Gasca su Audi Q5 Hybrid e da Luca Marconetti in solitaria su Fiat Panda 2012 GPL.
Appuntamento al prossimo anno per una Rapallo Sestriere ancora più emozionante e partecipata.