CRONACA

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Terremoto nel ferrarese, quattro morti accertati

Una scossa di tipo sussultorio di magnitudo 5.9 della scala Richter ha colpito alle 4:04 di questa mattina l’Emilia Romagna. L’epicentro è stato localizzato a 35 km a nord, nord ovest di Bologna, nella zona di  Cento, Finale Emilia e San felice sul Panaro, ad una profondità di 10 km circa, come rilevato da Servizio Geologico degli Stati Uniti (Usgs).

 

Sono seguite poi una serie di scosse di assestamento, anche significative. La situazione più critica è stata registrata a Ferrara, dove al momento risultano quattro morti e diversi dispersi: si tratterebbe di operai coinvolti nel crollo di un capannone di una fabbrica a ciclo continuo presso Bondeno e di una fabbrica di ceramica a Sant’Agostino di Ferrara.

Sul web si susseguono le notizie, con continui aggiornamenti riportati dagli stessi cittadini emiliani, che comunicano tramite i social network, postando impressioni e fotografie dei danni.  

Numerosi gli edifici danneggiati, soprattutto quelli più antichi, come chiese e campanili, in particolare a Bondeno, Poggio Renatico, Sant’Agostino e Renazzo. Anche la città di Ferrara è stata duramente colpita: dalla facciata della chiesa di Santa Maria in Vado è precipitata una statua rappresentante la Madonna; diversi cornicioni crollati a terra da palazzi d’epoca in via Ripagrande e in via Piangipane, elementi architettonici sono venuti giù anche dal Castello Estense, dal palazzo settecentesco dell’ex Borsa di Commercio e dai portoni di Palazzo Schifanoia e Parco Pareschi. 

Diverse automobili sono state danneggiate da pietre e calcinacci durante i crolli, ma fortunatamente sembra che il numero dei feriti sia piuttosto esiguo, sebbene non si possa escludere la presenza di altre vittime di cui attualmente non si è a conoscenza, in quanto la zona del ferrarese comprende una grande periferia rurale, ricca di case e masserie d’epoca, che potrebbero aver subito notevoli danni. 

Alle sette del mattino la situazione sembrava tuttavia normalizzata, occorrerà attendere ancora qualche ora per tracciare una mappatura più dettagliata dei danneggiamenti e delle vittime.