RANDOM WALKS

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Nuove tendenze 2012: sposarsi e morire 'low-cost'

Italia. E' in crescita del 5% il costo dei matrimoni, del 4,7% quello dei funerali. Secondo i dati diffusi dall' Osservatorio Nazionale Federconsumatori, per il 'fatidico sì' si spendono in media tra i 27.000 e i 55.000 euro (tra i costi più alti in Europa; nella vicina Francia se ne spendono circa 11.800). Mentre le spese per il funerale si aggirano intorno ai 5.600 euro, secondo quanto stimato dalla Adoc (Associazione per la difesa e l' orientamento dei consumatori), con una spaventosa crescita dei costi pari al 53,6% negli ultimi 10 anni.

In Italia sono circa 25.000 le imprese funebri, con fatturati annuali di quasi 1 miliardo di euro e l' 1,2% in più rispetto a al 2010. Analogamente, se si considera che si celebrano all' incirca 200.000 matrimoni l' anno (230.613 nel 2009 e 217.000 nel 2010, dati Istat), si può avere l' idea, sebbene difficilmente quantificabile, di quanto fruttano i matrimoni in Italia. Sicuramente lo spettro della crisi si aggira anche tra i campi di fiori d' arancio, determinando una flessione dei matrimoni contratti. E' pur vero, però, che è in crescita il numero delle coppie (circa il 3%) che ricorre ad un apposito prestito bancario per sposarsi, proprio perchè, se alla morte non c' è rimedio, all' evento matrimoniale difficilmente si rinuncia. Aumentano così le percentuali di quanti colgono al volo la crescente offerta di rateizzare matrimoni e funerali e prediligono il low-cost e i pacchetti all-inclusive. Dall' indagine condotta dalla Adoc sul fenomeno dei matrimoni low-cost, le voci di risparmio che più resistono riguardano la scelta dell' abito e il servizio fotografico, mentre sono in crescente aumento le coppie di futuri sposi che decidono di sposarsi in un giorno infrasettimanale e fuori alta stagione, di ridurre il numero degli invitati, di ricorrere ad sms e consegne a mano per le partecipazioni, arrivando ad abbattere fino al 92% dei costi tradizionali riservati a questa voce, e a bomboniere solidali o fatte a mano, riducendo i costi del 60%. Se il 15% delle coppie opta per matrimoni low-cost (con un aumento previsto per i prossimi anni del 3-5%), arrivando a risparmiare fino al 55% del costo medio, 1 italiano su 10 decide di dilazionare le spese funebri, dimostrando anche una certa predilezione per i ''funerali verdi'', di imitazione statunitense. Sembra infatti che cominci a diffondersi anche in Italia la scelta di bare ecosostenibili, in cartone verniciato, con un abbattimento dei costi del 30%, e il ricorso alla cremazione, che sembra interessare il 10% dei decessi, con l' utilizzo di urne ecologiche in mais.

In una battuta finale, il 'verde' sembra destinato ad essere il colore dell' anno; quello delle tasche di molti italiani, matrimoni e funerali a parte.