RANDOM WALKS

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Gli italiani e la casa. Un sogno diventato chimera

La casa è sempre stata il sogno degli italiani; o meglio, l’acquisto di una casa. Sì perché da sempre tutti i sondaggi e le statistiche cui è stata sottoposta la popolazione italiana nel corso dei decenni hanno sempre visto al primo posto, come sogno o obiettivo da realizzare, l’acquisto di una casa. Subito dietro, sul podio, la famiglia e la salute. Solo al quarto posto i soldi.

 

Dunque la casa, strettamente legata però alla seconda classificata nei sondaggi: la famiglia. Questo perché senza una casa è impensabile che si possa pensare ad un progetto di vita di coppia finalizzato alla creazione di quella che è sempre stata definita la cellula fondamentale della società.

Eppure, la crisi degli ultimi anni e le assenti o sbagliate politiche sociali attuate dai governi nazionali ed europei, hanno finito col rendere quasi impossibile la nascita di nuovi nuclei familiari. Uno dei motivi principali sta proprio nell’assenza di adeguate politiche per la casa. Il crollo vertiginoso dei mutui e il blocco dei prestiti deciso dalle banche per fronteggiare la crisi finanziaria internazionale e mettersi al riparo dalle fibrillazioni dei mercati hanno fatto il resto.

Se fino a pochi anni fa gli italiani che cercavano casa accendevano un mutuo per finanziare l’acquisto dell’immobile tanto desiderato, oggi l’acquisto di una casa è sempre più una chimera. Le banche non concedono più mutui né prestiti se non in cambio di solidissime garanzie che, in tempo di perdurante crisi economica e sociale, pochissimi italiani possono presentare. Tant’è che ormai la gran parte della popolazione ha rinunciato al sogno di sempre, ripiegando su soluzioni affittuarie.

L’affitto spodesta l’acquisto potremmo dire. D’altra parte in periodi di difficile congiuntura come quello che stiamo vivendo si fa di necessità virtù.

Tuttavia a complicare i progetti di vita degli italiani interviene anche la crisi lavorativa e dei salari. I redditi già più bassi rispetto agli altri paesi europei, continuano a diminuire. Ciò comincia a rendere più difficoltosa anche la ricerca di una casa in affitto dal momento che molte famiglie sono monoreddito o si reggono su lavori precari. E i più colpiti sono, come spesso accade da qualche decennio, i giovani.

 

Soltanto una seria politica per la casa, unita a politiche sociali e del lavoro che restituiscano ai cittadini italiani dignità e sicurezza in termini di occupazione e reddito, possono fermare questa spirale di decadenza e magari invertire la rotta, sì da restituire ai cittadini la possibilità di una speranza di vita diversa.