SPORT

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Il calcio di tanti...vissuto da pochi!

Un giorno arrivò in una città universitaria un ragazzo, uno come tanti che lascia la propria casa con la valigiona piena di sogni e di ambizioni, ma che pure aveva portato con sé le immancabili scarpette da calcio, la sua passione…e la maglia della squadra del cuore.

In fondo, a tantissimi chilometri da casa, anche lui aveva iniziato, con mille amici, con i primi calci ad un pallone: per strada, nel cortile della scuola, sul muro della chiesa…due grosse pietre come pali di una porta, i muri come invalicabili linee laterali, l’asfalto come erbetta ed al posto della curva degli ultrà le lamentele dei vicini, le prediche paterne del parroco locale, le sgridate dei genitori…e accidenti quante litigate senza un “grande” ad arbitrare! A quel tempo, mai avrebbe pensato di diventare “grande”, venire in città per studiare e men che mai diventare quell’”omino nero” in mezzo al campo: un arbitro! Eppure due infortuni allo stesso ginocchio, lo hanno allontanato anche dalle divertenti partitelle con gli amici, ma niente poteva cancellare la sua passione per il calcio. Fu allora che sulla sua “strada” incrociò persone gentili e disponibili che in un corso mensile gli spiegarono la figura ed il ruolo dell’arbitro, di quell’uomo “solo” ma importante, bistrattato ma indispensabile. Non solo semplice e fiscale custode delle regole del gioco, ma soprattutto primo e sensibile educatore sul campo di pallone; non solo giudice severo e silenzioso, ma anche figura comprensiva e disponibile; coi bambini soprattutto, non occhi torvi e autorità prepotente, ma sorridenti spiegazioni, qualche pacca sulla spalla e perché no autorevoli consigli. Da lì iniziò la sua nuova esperienza, correndo col fischietto, tra mille simpatiche facce di bambini calciatori.

Che gioia!…per quegli applausi in partita,…per quella stretta di mano del genitore contento dell’arbitro…per quell’atteggiamento di collaborazione e aiuto del dirigente-allenatore…che bello!…che soddisfazione!…ma che tristezza!…per quelle offese dagli spalti,…per quelle grida per un umano errore,…per quelle chiassose polemiche a fine partita!

Insomma, anche gli arbitri sono ragazzi, uomini, padri come tanti: sbagliano ed imparano, ridono e sono tristi, crescono e maturano…anche lì su quel campo di pallone…con lo sport e grazie allo sport…insieme a chi gioca ed a chi guarda, a chi esulta e a chi piange. Dunque, cerchiamo di recuperare insieme e pienamente il significato ed il valore dello Sport, nel rispetto dei diversi ruoli (giocatori, allenatori, dirigenti,arbitri e spettatori) e…mi raccomando se domani incontrate un arbitro sappiate che un sorriso affettuoso, un saluto amichevole renderà quell’”omino nero” meno solo e difficile…e di sicuro ne guadagnerà il calcio, come momento fondamentale di crescita e di aggregazione piacevole ed educativo, divertente e significativo, magari edificante.